Attività parlamentare 30 novembre – 4 dicembre 2015

Lunedì 30 novembre la Camera ha svolto la discussione generale delle mozioni concernenti “iniziative per la cura dei tumori rari” e delle mozioni concernenti l’annunciato “processo di privatizzazione di Ferrovie dello Stato italiane Spa”.

Martedì 1° dicembre a inizio seduta ha avuto luogo lo svolgimento di una interpellanza e di una interrogazione. In seguito la Camera ha respinto le questioni pregiudiziali riferite al disegno di legge di “conversione in legge del decreto-legge 22 novembre 2015, n. 183, recante disposizioni urgenti per il settore creditizio”. Successivamente l’Aula ha ripreso l’esame del disegno di legge costituzionale: “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione”. Si è poi riunito il Parlamento in seduta comune per l’elezione di tre giudici della Corte Costituzionale. Nessuno ha raggiunto la maggioranza prescritta. Abbiamo infine ripreso l’esame del disegno di legge costituzionale.

Mercoledì 2 dicembre la Camera ha proseguito l’esame del disegno di legge costituzionale: “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione”. Nel pomeriggio si è svolto il question time. Il Parlamento in seduta comune si è nuovamente riunito per l’elezione di tre giudici della Corte Costituzionale. Ancora una volta fumata nera.

Giovedì 3 dicembre la Camera ha concluso l’esame degli articoli del disegno di legge costituzionale: “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione”. In seguito abbiamo votato le mozioni concernenti “iniziative per la cura dei tumori rari”. La mozione a prima firma Baroni è stata approvata, nel testo riformulato, a eccezione di un capoverso del dispositivo. La Camera ha infine votato le mozioni concernenti l’annunciato “processo di privatizzazione di Ferrovie dello Stato italiane Spa”. La nostra mozione, a prima firma Diego De Lorenzis, è stata respinta.

Venerdì 4 dicembre ha avuto luogo lo svolgimento di interpellanze urgenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *