Romangia servizi, nuovi quaranta disoccupati in Sardegna

Roma, 29 luglio 2015 – L’amministrazione comunale di Sorso, cittadina nel nord della Sardegna, ha inviato le lettere di licenziamento a tutti i dipendenti della Romangia Servizi, società interamente partecipata dal Comune che vantava ben quaranta lavoratori. I dipendenti della Romangia Servizi verranno mandati a casa a causa dei tagli attuati a tutti i livelli istituzionali e così la situazione sociale nel territorio, già fortemente critica, diventerà ancora più grave.

Sono intervenuto ieri sera alla Camera per portare in Aula, ancora una volta, la voce dei cittadini più deboli del mio territorio.

Stiamo parlando di padri di famiglia troppo giovani per andare in pensione ma troppo vecchi per reinserirsi nel mondo del lavoro. La spending review, tanto voluta dai Governi non eletti da nessuno, la stanno pagando a caro prezzo i lavoratori e i cittadini di piccole realtà come quella di Sorso. È nostro impegno cercare di sensibilizzare affinché una realtà occupazionale così importante nel territorio non muoia nell’indifferenza generale. Questo è il risultato di una politica che in periodi di vacche grasse ha sperperato le risorse pubbliche e ha fatto ricadere la colpa, poi, sui lavoratori accusandoli di percepire stipendi da dirigente e di non avere la professionalità adeguata.

Chiediamo che il Ministro Poletti intervenga quanto prima e chiediamo subito l’attuazione del reddito di cittadinanza che risolverebbe tutte queste criticità nel territorio.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *