Attività parlamentare 31 marzo – 1 aprile 2015

PNSLa Camera ha approvato, martedì 31 marzo, il disegno di legge di conversione del decreto legge 18 febbraio 2015, n. 7, recante “misure urgenti per il contrasto del terrorismo, anche di matrice internazionale, nonché proroga delle missioni internazionali delle Forze armate e di polizia, iniziative di cooperazione allo sviluppo e sostegno ai processi di ricostruzione e partecipazione alle iniziative delle Organizzazioni internazionali per il consolidamento dei processi di pace e di stabilizzazione”: 253 sì, 50 no, 2 astenuti su 305 presenti e 303 votanti. Dopo l’esame degli emendamenti svolto la scorsa settimana, l’Assemblea ha iniziato la giornata di martedì 31 marzo con la trattazione degli ordini del giorno. Abbiamo illustrato i nostri odg nei dettagli e li abbiamo fatti votare. Successivamente siamo passati alle dichiarazioni di voto finali sul provvedimento, il quale contiene in sé sia le proroghe delle missioni internazionali sia le misure per il contrasto al terrorismo. I miei colleghi hanno sottolineato, negli interventi finali, i vari punti critici del decreto. Il provvedimento rappresenta il proseguimento di una politica internazionale fallimentare. Non porta una soluzione al problema della minaccia del terrorismo alla pace e alla convivenza tra i popoli. È un grande spot. Ma niente di più.

Mercoledì 1 aprile, nella parte antimeridiana della seduta, si è svolta la discussione generale del disegno di legge recante “delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale” e delle abbinate proposte di legge. Nel primo pomeriggio si è svolto il question time. L’interrogazione del M5S, a prima firma Giuseppe L’Abbate, chiedeva al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali “chiarimenti in merito all’importazione, detenzione e manipolazione per uso di ricerca di materiale infetto da agenti patogeni, con particolare riferimento alla sperimentazione sulla coltura della vite”. Alla ripresa della seduta l’Assemblea ha respinto la questione pregiudiziale di costituzionalità presentata dalla Lega al disegno di legge recante delega al Governo per la riforma del Terzo settore. In seguito abbiamo iniziato l’esame degli articoli. “Il Pd trasforma il Terzo settore: il no profit diventa profit, senza trasparenza e controlli”. Questo è il commento del nostro gruppo. La Camera riprenderà i lavori il prossimo mercoledì 8 aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *