Lavori parlamentari

aeroporto algheroPubblicata oggi l’interrogazione per il mancato trasferimento dei fondi per modernizzazione Aeroporto Alghero.

Riporto il testo dell’interrogazione completa.

Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, al Ministro dello sviluppo economico. — Per sapere – premesso che:
secondo quanto riportato il 15 marzo 2015 dal quotidiano locale La Nuova Sardegna — ed. Alghero, il 1o marzo 2015 i lavori di modernizzazione dell’aeroporto di Alghero-Fertilia che sono stati affidati ad una associazione temporanea di imprese del territorio sarebbero stati sospesi per «esaurimento dei fondi»;
con le delibere CIPE n. 62 del 3 agosto 2011 (individuazione ed assegnazione di risorse ad interventi di rilievo nazionale ed interregionale e di rilevanza strategica regionale per l’attuazione del Piano nazionale per il Sud) e n. 78 del 30 settembre 2011, (individuazione e assegnazione di risorse a favore di interventi di rilevanza strategica nazionale e regionale per l’attuazione del piano nazionale per il Sud-priorità strategica «innovazione, ricerca e competitività») nel 2011 sono stati assegnati per la riqualificazione infrastrutturale dello scalo del nord ovest della Sardegna fondi ex Fas (fondo per le aree sottoutilizzate) pari a 14,1 milioni di euro totali;
secondo la citata fonte di stampa, Mario Ticca, titolare dell’omonima ditta capofila dell’Ati che si è aggiudicata, con gara d’appalto, un finanziamento pari a cinque milioni di euro, avrebbe affermato che «da luglio scorso non vengono pagate le fatture per i lavori eseguiti» e che «la situazione era diventata insostenibile anche per le tensioni complessive determinate dalla crisi economica»;
le attuali risorse bloccate, da trasferire per il completamento dei lavori suddetti, sarebbero pari a circa 2,5 milioni di euro;
la società di gestione dell’aeroporto «Riviera del Corallo», Sogeaal spa, nel ruolo di stazione appaltante, avrebbe fatto sapere attraverso il suo direttore generale, Mario Peralda, che «i fondi non si sono esauriti in quanto si tratta di risorse con destinazione finalizzata» e che sono sorte problematiche nel trasferimento dei flussi finanziari, di ordine tecnico-burocratico, tra regione, Enac e Ministeri competenti –:
se i Ministri interrogati siano a conoscenza di quanto esposto in premessa;
se non ritengano, per quanto di competenza, di adottare ogni utile iniziativa affinché siano verificate le motivazioni che hanno portato al mancato trasferimento dei fondi suddetti e, di conseguenza, affinché siano consegnate le risorse di cui in parola per l’esecuzione dei lavori di riqualificazione infrastrutturale previsti.
(5-05117)

Domani in commissione il sottosegretario del MIT risponderà alla mia interrogazione sui costi della continuità territoriale aerea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *